Nuovi obblighi per i produttori di piante

sanzioni

Nuovi obblighi per i produttori di piante a seguito del Regolamento UE 2016/2031, in vigore dal 14 Dicembre 2019. Il nuovo Regolamento in estrema sintesi obbliga tutti gli operatori del comparto vivaistico e di import/export di piante alla gestione di una tracciabilità interna ed esterna, nuove regole anche per i “passaporti” delle piante.

Il Regolamento per le importazioni di vegetali e prodotti vegetali.

L’europa ha deciso di dotarsi di regole ben precise per il transito tra le regioni, stati, di ogni tipo di pianta. partendo dall’azienda dino a destinazione finale all’interno dell’Europa, ogni pianta dovrà viaggiare con autorizzazione e certificazione di provenienza. Una scelta quella europea contestabile, ma decisamente volta alla salvaguardia delle specie ed al blocco di incidenti tipo la xilella avvenuta in Puglia. Ogni pianta o blocchi di essa dovranno essere rintracciabili e con un responsabile della transazione.

Come in ogni stretta di regolamenti e leggi, di solito sono avversi coloro che non hanno possibilità di esercitare con chiarezza la loro attività, d’altro canto quelli che si mettono in regola hanno più facilità ad essere partner di transazioni in Europa diversamente impossibili.

Come mettersi in regola col Reg. UE 2016/2031

Mettersi in regola è relativamente facile, siamo onesti, il piccolo vivaista vorrebbe buttare tutto in aria e chiudere battenti solo al sentore di ulteriore privazione di tempo e creare pile di carte e documentazione, ma in questi tempi moderni è prioritario salvaguardare specie e bontà del prodotto. Ad occuparsi di ciò detto avalliamo le richieste di informazioni ed applicabilità all’Istituto JAGER -  www.jager.it – da decenni al servizio degli operatori in agricoltura.

istituto_jager_750

Istituto JAGER, consulenza in igiene e sicurezza. Divisione certificazione qualità

Istituto Jager

info@asmedia.it

3348002030

 

www.jager.it